Poesie e Pitture del Poeta
Domenico AGRELLI

(Vedi Biografia )


 

IL PARADISO DOV'E'


Occhi smarriti
Tra case distrutte
Strade minate.
Un bimbo
imbraccia un fucile
senza il sorriso
e sembra che chieda:

"il paradiso dov'è".
Miraggio
Nel luogo dove sfrecciano
I missili si creano
Voragini,
dove la morte falcia la vita
come in un campo di grano.

Ma il paradiso… dov'è…
Forse nel cuore
Di bimbi fortunati che
Possono giocare,
che l'orrore non conoscono,
dove la mamma
racconta la fiaba per
farli dormire.

Ma…il paradiso..dov'è.
Non è certo paradiso
Dove la fratricida guerra
Trancia le gambe
Agli innocenti e uomini
In fosse comuni buttati.

Ma… il paradiso dov'è
Si spera
Che ci sia il paradiso
Della speranza con il
Risveglio
Delle coscienze per aiutar
Gli indifesi
In morsa solidale ed
Altruista per poter
Finalmente dire:" Ecco…
Questo è il tuo paradiso".

Domenico AGRELLI

IL PENSIONATO

Solo
Con la sua solitudine
Beato frà le noie
Senza pause senza studio.
Non più giorni…
Non più notti…
Il salotto più onesto è
La sua casa,
lontano da sguardi
che non guardavano dove
lo stress non è
un dolcificante.
Il presente è tutto ciò che passa,
l'avvenire suo,
è il domani che ha asciugato
lacrime di sangue.
Poeta con il vecchio sacco
Da soldato,
tiene stretta la sua vita
come un amante,
conserva il suo brillante canto
come perle
di lacrime mattutine.
Veterano e pattinatore della vita
Sugli anni ammucchiati,
tremulo l'anima sospira
con la faccia scolpita in
rocce di basalto di un
acceso vulcano,
mani che più non sanno
dare carezze,lui
ama i silenzi pieni di
chiare parole
nella vita consumate
dove la clessidra del tempo
si nutre di eternità.

Domenico AGRELLI

 

 

 

 

A VICCHIAIA


Quant iè brutt'a vicchiaia stà carogna
T'arrobbidi i iurn biddri, i iurn tui
Probii ntù cchiù bell ca si sogna
Quann i iurn su nu fui fui.

A forz cumincidi a mancad
Un ced u vigur chi tiniisi na vot
Tenisi u desiderii i ripusad
A vit ha fatt'u gir com'a rot'

Da piccininn cumincisi a camminad
Pi ssù munn stran e fissiatur
Pi nu pizzi i pan aia canpad
Pu un ruman chi spaddre nfacci'u mur.

Passid'a vit chin'i patimint
E ca prist finiscidi sinni vad
Si fani vicchi pur'i sentimint
E tutt iè pisant a suppurtad.

Quann si bicchi' aspettisi u iurn
Ca u Patatern chiama pur a tii
Girisi a cap dai n'ucchiat'atturn
E lassisi ssù munn cu malincunia.

Domenico Agrelli

 

 

 

 

 

 

 

 

A FERA

S'aspetta stà festa tuttu l'ann
Ca fanu u mis'agust in allegria
A ggent curridi e s'affann
E s'accatta tant cos'mminza a via.

A rit'a chisii ddrà si venna tutt:
purc,gaddrini,aiini e crapitt
ced cu ha fatt affar e cu s'ha rutt
e cu ha spisi i sold nitt nitt

i vagnuniddri aspettini quiddr ura
ca tat e mamm'i portini alla fera
spalanghini l'ucchi cu nnucinzia pura
vulerini tutt'i iurn'i sta manera.

Na vot alla fest purtaini a seggiceddra
Pi gghià bidi i comich e i cantant
Abbaddraini pur' a tiranteddra
Pu gust i tutt e l'alligrii i tutt quant.

Deomenico Agrelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A SIRINATA

A nnanza allu barcune beddra mii
Ca stasera a luna nov fa i dispitt
Ummi fad aspittad mminza a vii
Iessa nu suspiru fort aintu u pitt.

Dammi u coru tui egghì ti dongh u mii
A sup annà stell nui facim a cas
Campami d'amur come vole Dii
Dammi si labbr ti vugghi da nu vas.

Ummi lassad chiù cu ssù turmint
Tutta na vit tu si pi semp mii
Luce e sol, iur e firmamint
Surgent i d'acqua frisch,e nnà gulii.

Cchiù beddra i na rosa ied a vucca tui
E l'ucchi brillini com a nuù diamant
Vinimi nzunn vinimi si bui
A passiun mii iè probbii tant,

No,ummì lassa sul qua stasir
affacciati allu barcune e dimmi sini
m'inginucchiu ti fazz na prighir
e dassu cor lev tutt i spin.

Sonidi l'oricanett e a nott iè curt
Ma a beddra mii sta siri ubbò annanzad
Ca port apert chi grapidi nta l'urt
Ssa sirinata beddra vò guardadad.

Deomenico Agrelli

 

 

 

 

BRICIOLE DI POESIA

Resta ancor nel mio paese
Una briciola di poesia
Che si astiene dal morire,
resta aperto il cancello
col verde speranza dei pioppi
ed il vento di maggio
lecca le volatili chiome.

Resta ancor nel mio paese
Il capriccio del bimbo deluso,
la filastrocca di una vecchia fontana
e la luna che batte la sera
alle imposte chiuse
per carpire il sapore di un'ora
che nella mente ritorna.

Resta ancor nel mio paese
Un richiamo di voci in cortili
Dalla fatica assonnati.
Resta una dolce figura di donna
Che agli occhi dell'amore
Si svela
Per offrire il suo senso di gioie.

Resta ancor nel mio paese
Il fascino che riveste
Una piccola chiesa.
L'incenso di liturgie innocenti,
delle domeniche serene.

Resta ancor nel mio paese,
il pretesto più o meno banale
di potersi con amici incontrare
per gustare un caffè aromatico
lasciando in fondo alle tazze
quei brevi intensi semicerchi
di zucchero
a risposta dei nostri sorrisi.

Deomenico Agrelli

 

PAESAGGIO CALABRESE

Uno sperduto paesino è
Nella Calabria del pianto
Ove l'orizzonte
Mescola nel suo vino
Le amarezze.
Perfezioni e tanti
Canti oscuri con stelle
Di cristallo.
Cielo terso
terra bruciata
canali e torrenti ove
l'acqua scorre lentissima,
crescono gli alberi
tormentati dal vento.
Dal campanile di pietra
Chiama una campana è
Sul vento
S'aprono i rintocchi.
Sul vecchio campanile
Tace la campana,
un ostensorio
risplende sopra i cieli
e fra le gole del grande fiume.
L'acqua fa lunghi discorsi.
La notte si fa intima
Come la piccola piazza
E cerca una pianura
Per inginocchiarsi,
le stelle diventano
campanelle e le
luci urlano tra
gli stretti vicoli
del borgo in discesa.
La calante luna all'alba
Pone parrucche gialle
Sulle tegole
Di vecchie case
Una ragazza bruna cammina
Lungo il serpente dei vicoli
E con un sospiro

Scompare
Nella corrente del vento
Dell'aurora
E dolce ebbrezza
Del mattino.

Domenico AGRELLI

 

 

SANTU LAVRINZ

Santu lavrinzu mii,santu lavrinz
Si spezzidi u coru mii i nostalgia!
Ca pur quann sungh vicch e senza sinz
Un ti cacc cchiù da vita mii.

U campanaru vicch e stonacat
Ied'u simbulu di tutt'i paisan
U vich a sup'i cas gavizat.
Ca su basc e su di poch chian.

U vird da natur iè prufumat
Ca campagn ca circondidi u pais
U zappatur si ricogghidi stancat
E a spaddr ca i dolidi pu pis'.

U pis' di fasc di frasceddre
Ca serevene pa furneddra alla virata
Quiss su ggent povereddre
Ca fatichin cu cuscinzia rassegnata.

Santu lavrinzu mii, santu lavrinz!
Tu , si u paisiddru mii addue agghi nat
Vengh a chiazz e ca ggent stach mminz
A Lecc ii ti penz annammurat.

Vi vugghi dic paisani mii!
U pais addue si nascidi iede u cchiù biddr
Puru ca stritt su si poch vii
Un mu lev mai du cirividdr,

Domenico Agrelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MI CHIAMANO POETA

Mi chiamano poeta ed io perdono
e mai accetto un sì fulgente nome
è la penna che guida la mia mano
operosa e mai sazia d'appuntare
quello che la mente le vuol dire.
.
Il cor mio che salpa in questa nave
osa fermar l'immagine d'amore
quando son arsi i vezzi ed il dolore
sparsi ormai per solinghe vie
fatti di odi e fiumi di parole
con i pensier che affollano la mente
e l'abbagliante luce che risplende
ripaga il mio passato ed il presente.

Domenico AGRELLI