BREVE SPIEGAZIONE SULL'USO DELL'APOSTRAFO

* l'apostrofo alla fine,all'interno ed anche all'inizio della parola sta ad indicare il salto della vocale,che nel nostro dialetto ,salvo quella tonica,é quasi sempre indefinita(es. CECE=CiCiRe= CCR= C'C'R').
** la lettra j J. Consonante sonora palatina nel periodo delle lingue romanze(prime lingue neolatine), prende il posto dlla GI, diventa vocale e viene sostituita dalla "i".Da usare quando si può generare confusione(MAGGIO = MAJ e non MAI), conservato in alcune parole di suono speciale, di provenieza incerta (Gujjarul= soffione).Oggi compare solo nelle parole forestiere, in alcuni cognomi o toponimi.Si può conservare o sostituire con la "i"
. ( Domenico CERCHIARA)

 


QUANN A GATT UNN'AIUNCIDI ALLU SALAT DICIA CCA FETA DU RANGI

QUANDO LA GATTA NON RIESCE A RAGGIUNGERE IL LARDO APPESO, DICE CHE PUZZADI RANGIDO (Domenico AGRELLI)

QUIDDR CA UDDONISI ALLI POVIRIDDRI PRIST U DONISI ALLI TASS
QUELLO CHE NON DAI A POVERI POI SE LO PRENDONO LE TASSE (Domenico AGRELLI)

QUDDRI CA UN SAPIDI IE' COM'U CICAT U BIDIDI
COLUI CHE NON SA E' COME UN CIECO CHE NON VEDE (Domenico AGRELLI)

U CANNARILI PURU CA IE' STRITT SI GNUTTIDI A CAS CU TUTTU U SUFFITT
LA GOLA PURE SE E' STRETTA SI INGOIA LA CASA E PURE IL SOFFITTO....(Domenico AGRELLI)

A FIMMINI IÈ COMU U FUCH CCHIÙ ATTIZZISI E CCHIÙ VRUSCIDI.
LA DONNA E COME IL FUOCO PIÙ L'ATTIZZI E PIÙ BRUCIA (Domenico AGRELLI)

PI CANOSC NU MINZINAR AIA ADDUMMANAD TRI BOT A STESSA COS
PER CONOSCERE UN BUGIARDO GLI DEVI FAR DIRE TRE VOLTE LA STESSA COSA (Domenico AGRELLI)

PI CANTAD CCI VOD U PUDDRICIDDR MA PI PARLAD CI VOD'U CIRIVIDDR.
PER CANTARE CI VUOLE L'UCCELLINO,PER PARLARE CI VUOLE IL CERVELLO.
(Domenico AGRELLI)

GADDRIN E FIMMINI SI PERDINI PA VII

TRADUZIONE:GALLINE E DONNE SI PERDONO PER LA STRADA
(Domenico AGRELLI)


SI A PICHIR CADA NTÀ SCIODDR TUTT LAVITI VAN APPRISS
SE LA PECORA CADE NEL BURRONE TUTTE LE ALTRE LE VANNO APPRESSO. (Domenico AGRELLI)

OGNI MANDR TENIDI I PICHIRI ZOPP

OGNI MANDRIA HA LE SUE PECORE ZOPPE (Domenico AGRELLI)

MIGGHI A T'ASSITTAD CU CUL A SUPU U FUCH CA ADDÀ RETT A CERT CRISTIAN
MEGLIO A SEDERTI CON IL CULO SOPRA IL FUOCO CHE DAR RETTA A CERTE PERSONE (Domenico AGRELLI)

NAS I CAN E CUL I FIMMINI SU SEMP FRIDD

NASO DI CANI E CULO DI DONNA SONO SEMPRE FREDDI (Domenico AGRELLI)

U TIRCHI SCURCERA NNU PULICI PI SSI PIGGHIAD U GRASS
L'AVARO SCORTICHEREBBE UNA PULCE PUR DI PRENDERE UN PO DI GRASSO (Domenico AGRELLI)

I SOLD SU COM A PICI S'ATTACCHINI ALLI MAN
I SOLDI SONO COME LA PECE SI ATTACCANO ALLE MANI
(Domenico AGRELLI)

UN TUCCÀ U GNOSTR CHI TINGIDI E UN TI FIDÀ DA FIMMINI CA CHIANGIDI
NON TOCCARE L'INCHIOSTRO PERCHE TINGE E NON TI FIDARE DELLA DONNA CHE PIANGE
(Domenico AGRELLI)

L'UMMINI A SUP A QUARANTIN LASSIDI I MANGIAD E TRASA NTA CANTIN
GLI UOMINI SULLA QUARANTINA LASCIANO IL PRANZO PER ENTRARE IN CANTINA
(Domenico AGRELLI)

U COR DA FIMMINA IÈ COM U MILUN ,ACCU DONA NNA FEDDRA A CU DONANU VICCUN.
IL CUORE DELLA DONNA È CÒME IL MELONE A CHI DA UNA FETTA A CHI UN BOCCONE
(Domenico AGRELLI)

PRIM'I TI SPUSAD TROVITI A CAS ADDUE AIA STAD
PRIMA DI SPOSARTI CERCATI LA CASA DOVE ABITARE
(Domenico AGRELLI)

CU ZAPPA SI VIVA LL'ACQU CU FUTT SI VIVIDI U VIN DA VUTT
CHI ZAPPA SI BEVE L'ACQUA CHI FOTTE SI BEVE IL VINO DELLA BOTTE (Domenico AGRELLI)

U VATTAGGHI UN PÒ SUNAD A DUI CAMPAN
IL BATTAGLIO NO PUÒ SUONARE A DUE CAMPANE CONTEMPORANEAMENTE
(Domenico AGRELLI)

FIMMINI VASCI PI MARIT FIMMINI GAVIT PI COGGHI I FICH
DONNE PICCOLE PER MARITI DONNE ALTE PER RACCOGLIERE I FICHI (Domenico AGRELLI)

UN FA MAL PICCHI' IÈ PICCAT UN FA BENE CA IÈ SPRICAT
NON FARE MALE PERCHÈ È PECCATO NON FARE BENE PERCHÈ Ò SPRECATO (Domenico AGRELLI)

CU ASPETTIDI AIUT DI PARINT ADDA SPITTAD FIN A CHI CADINI I DINT
CHI ASPETTA AIUTO DAI PARENTI DEVE ASPETTARE FINO A QUANDO GLI CADONO I DENTI (Domenico AGRELLI)

A SALUT SENZA SOLD IÈ NA MENZA MALATII
LA SALUTE SENZA DENARO È COME UNA MEZZA MALATTIA (Domenico AGRELLI)

CU CERCHIDI AIUT TROVA CUNSIGGHI
CHI CERCA AIUTO TROVA CONSIGLI (Domenico AGRELLI)

CU CAMPA CA MMIDDI MORA MPICAT
CHI CAMPA CON L'INVIDIA MUORE IMPICCATO (Domenico AGRELLI)

UN T'HAIA MAI FIDÀ DA GGENT MA MANCH DU PARENT
NON TI FIDAR MAI DELLA GENTE MA MANCO DAL PARENTE (Domenico AGRELLI)

FAI NU PASS PI QUANT IÈ LONGH A GAMM E FAI I VICCUN PI QUANTIÈ LARICHI A VUCCH
FAI IL PASSO PER QUANTO E LUNGA LA GAMBA,FAI UN BOCCONEPER QUANTO E LARGA LA BOCCA (Domenico AGRELLI)

UN C'È NA PAL CA UN TENIDI U MANICU SUI
NON C'È PALA CHE NON HA IL SUO MANICO (Domenico AGRELLI)

A TROPPA CUNFIDENZII SI RIDUCID A MALA CRIANZ
LA TROPPA CONFIDENZA SI RIDUCE A BRUTTA CREANZA (Domenico AGRELLI)

A MEGGHIA PAROL IÈ QUIDDRA CA NU DDICISI
LA MIGLIOR PAROLA È QUELLA CHE NON DICI (Domenico AGRELLI)

U MINT A VUCC ADDUEB UN NT'ATTOCCHIDI
NON METTER BOCCA DOVE NON TI TOCCA (Domenico AGRELLI)

CU TENIDI A VUCCA CHIUS IÈ SICUR CA UN TRASINI I MUSCH
CHI TIENE LA BOCCA CHIUSA È SICURO CHE NON ENTRANO LE MOSCHE (Domenico AGRELLI)

CU TENA BUCCH SUCA MINN
CHI HA BOCCA CIUCCA LE MAMMELLE (Domenico AGRELLI)

PIZZILI E VASI UNNI FAN PIRTUS
PIZZICOTTI E BACI NON FANNO BUCHI (Domenico AGRELLI)

A FIMMINA MINZINAR SI UGGHIÈ PUTTAN PICCH CI MANCHIDI
LA DONNA BUGIARDA SE NON È PROSTITUTA POCO CI MANCA
(Domenico AGRELLI)


TRI TRASTINI STRITT AINT'A TRI STRITT TRASTINI
TRE BISACCE STRETTE DENTRO A TRE STRETTE BISACCE (Domenico AGRELLI)


TRI CICIRI TUNN A SUP A TRI TUNN CICIRI
TRE CECI ROTONDI SOPRA A TRE ROTONDI CECI (Domenico AGRELLI)


ARITU ASSU' PALAZZ C'È NU POVIRU CANU PAZZ DATILI PAN E MAZZ ASSÙ POVIRU CANU PAZZ (Domenico AGRELLI)
DIETRO QUESTO PALAZZO C'È UN POVERO CANE PAZZO, DATEGLI PANE E BOTTE A QUESTO POVERO CANE PAZZO

I PARINT SU COM'I STIVAL CHIÙ SU STRITT E CCHIÙ FAN MAL
I PARENTI SONO COME GLI STIVALI PIÙ SONO STRETTI E PIÙ FANNO MALE(Domenico AGRELLI)

FIGGHI ZINN GUAI ZINN FIGGHI GRANN GUAI GRANN
FIGLI PICCOLI GUAI PICCOLI FIGLI GRANDI GUAI GRANDI (Domenico AGRELLI)

FA CCHIÙ PRIST NA FIMMIN A TRUÀ NA SCUS CA NU SURICI A TRUÀ U PIRTUS
FA PIÙ PRESTO UNA DONNA A TROVARE UNA SCUSA CHE UN TOPO A TROVARE UN BUCO (Domenico AGRELLI)

VALA CCHIÙ NA GRAPUT'I COSCI CA NA GRAPUT'I CASCIA
VALE PIÙ UN'APERTURA DI COSCE CHE UN'APERTURA DI CASSA (Domenico AGRELLI)

A SCIORT E A MORT STAN ARIT A PORT
LA SORTE E LA MORTE STANNO DIETRO LA PORTA (Domenico AGRELLI)

PRIVITI MUNICI E CAN AIA STAD SEMP CU VETT MMAN
PRETI MONACI E CANI DEVI STARE SEMPRE COL BASTONE IN MANO (Domenico AGRELLI)

SI RISPETTIDI U CAN P'AMUR DU PATRUN
SI RISPETTA IL CANE PER AMORE DEL PADRONE (Domenico AGRELLI)

I CAMPAN SI CAPISCINI DU SUN I CRISTIAN DI PAROL
LE CAMPANE SI CAPISCONO DAL SUONO GLI UOMINI DALLE PAROLE (Domenico AGRELLI)

A LINGH UNNÀ D'OSS MA RUPPA L'OSS
LA LINGUA NON HA OSSA MA ROMPE LE OSSA (Domenico AGRELLI)

SI TU DICH A TTIE PU UNNÙ SACCI II II
SE LO DICO A TE POI NON LO SO IO (Domenico AGRELLI)

I PARINT TI VON VID SANT MA RICCH MAI
I PARENTI TI VOGLIONO SANTO MA RICCO MAI (Domenico AGRELLI)

I SOLD SU A VUCI DU MUNN
IL DENARO E' LA VOCE DEL MONDO (Domenico AGRELLI)

I CAMPAN BON SI SENTINI A LUNTAN
LE BUONE CAMPANE SI SENTONO DA LONTANO (Domenico AGRELLI)

A GATTA PRESTAROL FAD'I FIGGHI CICAT
LA GATTA CHE FRETTA DI PARTORIRE FA I FIGLI CIECHI (Domenico AGRELLI)

I SOLD FAN VINID A VIST ALLI CICAT
I SOLDI FANNO VENIRE LA VISTA AI CIECHI (Domenico AGRELLI)

UN MINT MAI A LANTERN MMAN ALLI CICAT
NON METTERE MAI LA LANTERNA IN MANO AI CIECHI (Domenico AGRELLI)

DDII CI NI LIBBR DI TRI C:CUGIN,CANAT,E CUMPAR
DIO CE NE LIBERI DELLE TRE C: CUGINO,COGNATO E COMPARE (Domenico AGRELLI)

A LINGH VATTIDI ADDUE U DENT DOLIDI
LA LINGUA BATTE DOVE IL DENTE DUOLE (Domenico AGRELLI)

CACCIAD NU DIVIT IÈ COM A TTI CACCIA NU DINT
TOGLIERE UN DEBITO È COME TOGLIERSI UN DENTE (Domenico AGRELLI)

CU STIPA PI CRAI DOPP ADDÀ ITTAD ALLI CAN
CHI CONSERVA PER DOMANI DOPO DEVE BUTTARLO AI CANI (Domenico AGRELLI)

SI U MATRIMONII FUSSERA NA COSA BON SI SPUERINI PUR'I PRIVIT
SE IL MATRIMONIO FOSSE UNA COSA BUONA SI SPOSEREBBERO PURE I PRETI (Domenico AGRELLI)




 

QUANN NFOCHD A ZICAL IESSN I SCURZUN E T NGAPPN ALÙ SCURDUN
NELLE ORE PIU' CALDE QUANDO SI RISCALDA LA CICALA ESCONO I SERPENTI E TI SORPRENDONO
(Vincenzo VENTIMIGLIA)


IÈ U MISE UTTRUVE, È GIÀ TIMPO DI I A SIMINÀ U GRANU CARUSEDDA PI FA U PANE PI NUI E A BIAMA PU U CIUCCIO.
È IL MESE D'OTTOBRE, È GIÀ TEMPO DI ANDARE SEMINARE IL GRANO/CAROSELLA
PER FARE IL PANE (PER NOI E' L'AVENA PER L'ASINO).
(peppino ZIPARRI)

AMA CHIAMÀ I GUALANI PI LAVURÀ A TERRA I CANZALIVIRE, DÀ CI SIMINAMO
U GRANU, NFECE NTA TERRA DA LANATA CI SIMINAMO A BIAMA.

DOBBIAMO CHIAMARE I GUALANI (SONO LAVORATORI CHE ARANO LA TERRA CON I BUOI) PER ARARE L'APPEZZAMENTO DI TERRENO IN CONTRADA CANZALIVIERE, (DOVE SI SEMINAVA IL GRANO, INVECE NEL TERRENO IN CONTRADA LANATA SI SEMINAVA L'AVENA.) (peppino ZIPARRI)

CHI FACIMO DA MANGIÀ A I GUALANI OI GANGIULÌ? UNN SAI CHI SI FA DA MANGIÀ A I GUALANI: SI FA CANCARICCHI FRITTI E PATANE ALLA CASTAGNARAIULO.
COSA FACCIAMO DA MANGIARE AI GUALANI? NON SAI COSA SI FA DA MANGIARE AI GUALANI: SI FA PEPERONI E PATATE COME LE FANNO GLI ABITANTI DELLA CONTRADA CASTAGNATA. (peppino ZIPARRI)


 

PUR' I PULIC' TEN'N A TUSS', PUR' QUIDD' SENZA MUSS'
ANCHE LE PULCE HANNO LA TOSSE, ANCHE QUELLI SENZA LA BOCCA (Giuseppe VENTIMIGLIA)

NATICH CHIATT E CULU TUNN PI TTIJ JÈ FATT U MUNN.
NATICHE PIENE E SEDERE ROTONDO PER TE È FATTO IL MONDO.(Giuseppe VENTIMIGLIA)


CANZONE PER CATARINELLA
Catarinedda mia catarinedd, si ti nni vui vinid ti port allu paisu miu i Nova York,

ci vonnu tridici ur di caminu, pigghiam'a littorina e ni nni jam ,
nanarunanì nanarunanà ,nanarunanì nà nàaa.

Catarinedda mia catarinedd ,tu si fra tutt quant a cchiu bedd.

Lass com ti trov's e vinitinn, ti port 'nsim a mia a vid u munn,

nanarunanì ,nanarunanà, nanarunanì nà nàaa .

________________________

Caterinella mia Caterinella, se vuoi venire ti porto al paese mio di New York,

ci vogliono tredici ore di cammino, prendiamo la littorina e ce ne andiamo,

nanarunanì nanarunanà, nanarunanì nà nàaa.

Caterinella mia Caterinella, tu sei fra tutte quante la più bella.

Lascia come ti trovi e vieni via, ti porto insieme a me a vedere il mondo,

nanarunanì nanarunanà, nanarunanì nà nàaa.
(Giuseppe VENTIMIGLIA)




Ti sciànghe cum'u vutràcchie
TI SQUARTO COME UN RANOCCHIO (Domenico CERCHIARA)
2. Ti ciampìj,ti frusc'culij sutt'i pìde
TI MACINO CON I PIEDI (Domenico CERCHIARA)
Ti vo spart'u làmpe//Ti vo vruscià u làmpe
CHE IL FULMINE TI FACCIA A PEZZI/TI INCENERISCA (Domenico CERCHIARA)
Ti vo ffà na cancarèje a ddùve nun si vìd'd
TI VENGA UN CANCRO/NELLO STOMACO/SULLA FACCIA (Domenico CERCHIARA)
Ti vòne cunsà i mane sup'a trìppe
QUANDO AL MORTO SISTEMANO LE MANI SULLA PANCIA
(Domenico CERCHIARA)
Ti vo parlà u priv't'a rìcchie
QUANDO AL MORIBONDO IL PRETE DÀ L'ESTREMA UNZIONE
(Domenico CERCHIARA)
Ti vòne ricògghie nti linzùle
POSSANO RACCOGLIERE I TUO RESTI NELLE LENZUOLA
(Domenico CERCHIARA)
Si vo gràp'a terr'e ti vo gnùtte
POSSA APRIRSI LA TERRA E INGHIOTTIRTI
(Domenico CERCHIARA)
I jastìme da mamme cùgn'ne
LE MALEDIZIONI DELLA MADRE COLPISCONO
(Domenico CERCHIARA)
TI FAZZ U CHITI-CHITI
TI FACCIO IL SOLLETICO (Domenico CERCHIARA)

SÌ NA CASCIOTT I DORO FAUZ
SEI FALSO ED AMBIGUO (Domenico CERCHIARA)
Tèn'se u culure du pìd'te
HAI IL COLORE DEL PETO/SEI PALLIDO (Domenico CERCHIARA)
. Chiame tata a ccu te dòne pane
PADRE E' CHI TI DA DA MANGIARE (Domenico CERCHIARA)
A 'U PALUMM VURD SAP'D' A VIZZ 'AMAR
PER IL COLOMBO SAZIO LA VECCIA E' AMARA (Domenico CERCHIARA)
COME VA U VINT FAI U PAGGHJJUL
CAMBIA LA DIREZIONE DEL VENTO CAMBIA IL PAGLIOLO (Domenico CERCHIARA)
A LANGEDDR VAD 'A LACQU FIN 'A CH SI RUPP'D
CON LA BROCCA(langella) ATTINGI ALLA FONTANA FINCHE' SI ROMPE (Domenico CERCHIARA)
MAZZ 'E PANEDDR FAN 'I FIGGJ BEDDR
BOTTE E PANETTE(i pop-corn di oggi) CRESCONO I FIGLI SANI (Domenico CERCHIARA)
I MINS'NIJ VAN 'NNANT A VRITAT 'A PRISS
LE BUGIE VANNO AVANTI, LA VERITA' DIETRO (Domenico CERCHIARA)
U GUARDAPASS A DU TI MUZZIC TI LASS
LA VIPERA DOVE TI MORDE TI LASCIA
(Domenico CERCHIARA)
. Ti vo siccà a lìnghe
Ti possa seccare la lingua

. Jìj ci fàzze rimàn'u dìtte
Lo farò rimanere nella storia


MIGGH GOI L'UV CA CRAI A GADDRIN
MEGLIO OGGI L'UOVO CHE LA GALLINA DOMANI (Pietro VINCENZI)

L'ACQU TI FA' MAL, LU VIN TI FA' CANTA'E L'ARIA I SANTU LAVRINZ TI FA'SEMP RICRIA'
L'ACQUA TI FA' MALE,IL VINO FA' CANTARE E L'ARIA DI SAN LORENZO E' SEMPRE UNA GODURIA(Pietro VINCENZI)

U VOJI CHIAMA CURNUT ALLU CIUCC
IL BUE CHIAMA CORNUTO L'ASINO (Pietro VINCENZI)

I GUAI DA PIGNATA I SAPID A CUCCHIAR
I GUAI DELLA PENTOLA LI CONOSCE IL MESTOLO (Pietro VINCENZI)

JIINNER E NIPUT,QUIDDR CH FAI IE' TUTT PIRDUT
GENERI E NIPOTI,QUELLO CHE FAI E' TUTTO PERDUTO (Pietro VINCENZI)

CHU N'UCCH FRIJS I PISC E CHU N'AT GUARDS A GATT
CON UN OCCHIO FRIGGI I PESCI E CON L'ALTRO GUARDI IL GATTO (Pietro VINCENZI)

U VOJI CHIAMA CURNUT ALLU CIUCC
IL BUE CHIAMA CORNUTO L'ASINO
(Pietro VINCENZI)

I GUAI DA PIGNATA I SAPID A CUCCHIAR
I GUAI DELLA PENTOLA LI CONOSCE IL MESTOLO
(Pietro VINCENZI)

JIINNER E NIPUT,QUIDDR CH FAI IE' TUTT PIRDUT
GENERI E NIPOTI,QUELLO CHE FAI E' TUTTO PERDUTO
(Pietro VINCENZI)

CHU N'UCCH FRIJS I PISC E CHU N'AT GUARDS A GATT
CON UN OCCHIO FRIGGI I PESCI E CON L'ALTRO GUARDI IL GATTO
(Pietro VINCENZI)

Antiche poesie


Vulissi nchianà ncielu
Cu na scaletta di trecientu passi.

Vorrei salire nel cielo
Con una scaletta di trecento passi


Vena Marzu
Tuttu fracellusu
A rrobba sta sutta a li sei
Li puddi vani facenni lu zirmunu
E cantini ca vinuta primavera

Viene Marzo piovigginoso
La roba sta sotto e gli uccelli volteggiano
E cantano che è arrivata primavera

 

Detti antichi

-Cu si dispiacia di carni i lati i sui si mangini i cani.
Chi prova dispiacere per le carni altrui le sue sono mangiate dai cani

-Chiù piecura ti fai e chiù u lupu ti mangia.
Più pecora(mansueta e buona) sei e più i lupi ti mangiano

-A piecura arri'iuta mangia l'eriva ca unna ssuta
La pecora che costringi a non muoversi mangia anche l'erba che ancora non è sbucata

-A mierugula cicata a notta fadi u nidu
Il merlo cieco la notte fa il nido

-A gghiuti a nidu fattu comu u cuccu
Ha trovato il nido fatto come il cuculo

-Vaci u campu quanni chiova ca pù scampa e ti ci trova.
Vai al campo quando piove che poi il tempo buono ti trova

 

Ironia sulla morte

-Tata miu cunsigghieru i tuttu
Unna vi'asi muortu mai e stasera hai muortu

Padre mio consigliere di tutto
Non eri morto mai eppure stasera sei morto

-Avissa muort' tata e no lu ciucciu
u ciucciu mi purtava li quatrini
e tata si fricava anda cantina.

Meglio se fosse morto mio padre e non il ciuccio
Il ciuccio mi faceva guadagnare i soldi
Mentre mio padre li sperperava nelle cantine

 

Sul matrimonio

Nzuriti vacabbunnu
E vatta bbendi
Vatti a mitti a la catena di li guai
A prima notti dormisi cuntentu

U jurnu a ppriessi vai apparenni i guai.
Sposati pure scansafatiche e vatti a riposare
La prima notte dormi felice
Ma il giorno dopo inizi a risolvere guai

 

Sulla libertà

-Carcere fattu a lamìe senza trave
Mari a quidda amante ca si ci trova
Pi trasì ci suni i chiavi
E pì ghiessi ci voni fatti a nove.

Carcere fatto a lamiere e senza travi
Povero l'amante che si ci trova
Per entrarci ci sono le chiavi
E per uscire bisogna farle nuove

-Cu gà a libertà a tinissa cara
Ca l'agghi persa ì pi la sciagura.

Chi ha la libertà la tenesse cara
L'ho persa io per la sciagura( detto del brigante Musolino)

 

Sui Santi

-Gesù di 12 anni scrivìa cu li dutturi
Maria cu tanti affanni chi suffrìa li sui duluri.

Gesù di 12 anni scriveva coi dottori
Maria con tanto affanno pativa i suoi dolori

-Santi Paulu miu giragulu attuppa a quissi ca i' mi mbauru
attuppallu forti forti e fa u murì i mala morti'

San Paolo mio girovago afferra questo che io ho paura
Afferralo forte forte e fallo morire di brutta morte (riferito ai serpenti)

-Santu Antonìo miu binignu
i' ti pregu e non su dignu
ti tengu pì avvucatu
Sant'Antonio sia Allaudato.
Sant'Antonio bonario io ti prego e non ne sono degno
Ti tengo come avvocato
Sant'Antonio sii laudato

 

Sulla natura

-Stu cuccu di marina e di montagna dicimi quanta niva adda fa auanni.
Cuculo di marina e di montagna dimmi quanta neve ancora deve fare quest'anno

-Quanni vena da vasci pigghi ì piecuri e va li pasci
quanti vena da susa mitti i piecuri andu pirtusu.

Quando la tempesta viene da giù vai a pascolare
Quando viene da sopra, dalle montagne, metti le pecore a riparo

-Viernu si nun gnè capi' hiè cuda
Inverno se non è capo è coda


 
-Tutte le frasi e parole sono riportate così come mi vengono inviate-