ALCUNE POESIE DI DOMENICO CERCHIARA

I Pùft'e Pàfte

Si 'mplàcchjne na nfrùnde
sup'a frònte ….
Si mint'n'a scòddre triqquìne,
a cammisèddre, a mutànne da feste
e gir'ne p'i paise nfrucènne figurèddre
e simmiràgghie du guntàte du Signùre.
Si crèd'ine i patrùne du mùnne…!
Arràng'ne pur'u scutilìzze 'i màzze
quanne 'ncàpp'n'a petra toste….;
ma jè gente 'i gumme
ke s'è 'mparàte bùne
u mistìre di vavùse :
abbùsc'ch'ne, pòrt'ne 'ncàse,
fàne duj pùft'e pàfte
cu 'a zicarètte 'mmùcche
e sìgn'ne tutt'i spìse
ntu quaderne du patrùne….

(Domenico Cerchiara)


I Venditori di fumo

Si attaccano una etichetta sulla fronte….
Mettono la cravatta azzurra,
la camicia , l'abito della festa
e girano per i paesi lasciando
immagini dell'Unto del Signore.
Si credono i padroni del mondo…!
Rimediano anche botte
quando trovano l'osso duro..
Ma è gente di gomma
che ha imparato bene il mestiere
dei ciancioni ambulanti :
le busca,incassa,
sbuffa con la sigaretta in bocca…
e mette tutto sul conto del padrone……

(Domenico Cerchiara)

 

 

 

Al carissimo prof.Vincenzo Mazzei,
"migrato"eccellente con il borgo natìo
sempre nel cuore.Con stima ed affetto.
Domenico Cerchiara // dic. 2009

I 'Nsùnne du Migràte


<<< M' egghie ricùte 'u fòre mij
ntu pagghiarìddr a ddù egghie nate,
nta terre ricche 'i na vòte,
luntàne du munn 'ntussicàte….

Vache apprìss'u gualàne
a rrùpp i tifùne troppe grusse
quanne si fad'u siminàte
u mìs'uttrùve, ku llu paricchie
ke tìr'd'a ràte 'i lìnne….

N'è cruvicàt'a nìve
e jè feste granne chiùse 'ncàse,
attùrn'u fuculàre
cu nna travìne 'i fuche,
nu bicchìre 'i vìne,
frascat'le vruscènte
e sasìzz'arristùte ….
A sìre
cuntàme parmidie :
u micciarùle sup'e a furneddre
spanne papagghiùne casa case
k' arrancach'n'i vagnùne.
A notte 'un passe mmai….
a matìne spiame du pirtùse …..

Mi chiàve 'ncàpe
u 'mmirizze 'i l'èrive mitùte
u mise 'i mai,
quann i fìmm'ne cantènne
'mmùnn'n'i lavùre
e lu vìrde cchiù cupe da campagne
ammògghjd'a vìste…
….

Vàche apprìss'i mititùre
ricugghiènne jìrm'te spàse
p'a carmàte e fazze gregne
e cavagghiùne………..
Nta l'àrie 'nnànt'u pagghiariddre
facìm'a pisatùre
ciampiènne i gregne strazzàte
cu nna pilàcre pisànte
strascinate d'i vuj 'pparicchiàte.
Passàm'i notte vigghiente sutt'i stiddre
Aspittànn'u vinte bune
pi ffad'u pagghiùle :
vintulijàme cu tutt'i vinte
accocch'arriv'd'u livante …….

Tutt l'anne
u pass'apprìss'i pìchire
tra pirrùp'e varranche,
cu llu dujbott'a tracòddre
e lli cane 'nchiùppittàte,
attìnt'a llu vitùre ianchinàzze,
a lli lupe 'ncamàte
k'arròb'n'i fraiùne partirùte…….>>>

U sacce k'u munne jè cangiàte
e nun torne cchiù u passàte.. Ma jij fazze semp'e i stess 'nzùnne
finn'a quanne nu' m'addorme
'mbràzz'a mòrte..!!


D.Cerchiara // dic.2009


I Sogni dell'emigrato

<<< Sono tornato alla mia campagna,
nella casa ove io son nato,
nella fertile terra d'una volta,
lontano dal mondo avvelenato….

Vado dietro il bifolco
a sminuzzar le zolle grosse,
lasciate dall'aratro di legno
con i buoi nella semina d'ottobre……

Seppelliti dalla neve
è festa grande chiusi in casa
attorno al focolare,
scaldati dal gran fuoco,
bevendo il buon vino
con polenta bollente
e salsiccia arrostita…
A sera raccontiamo favole
e leggende a lume di lucerna ;
e le nostre ombre
sparse per la casa spaventano
i bambini..
La notte non finisce mai,
il mattino annusiamo il bel tempo
dal buco della porta…..

M'inebria
l'dore dell'erba mietuta
il mese di maggio,
quando le donne cantando
mondano il grano grandicello
e la campagna dal verde più cupo
lusinga la vista…..

Raccolgo covoni sparsi
di grano mietuto
e ne faccio gregne e biche
sul campo di stoppie ….
Si trebbia
sull'aia davanti alla casa
con i buoi aggiogati che schiacciano
le gregne
trascinando la pietra in girotondo……
Si passa la notte
a vegliare sotto le stelle

aspettando il vento buono :
proviamo ogni vento ch'arriva
in attesa del levante mattutino…..

Tutto l'anno io passo
dietro il gregge a pascolare
su terreni impervi d'ogni sorta,
col fucile a tracolla in compagnia
di cani con la "chioppa",
attento ai lupi affamati
ed all'uccello( "capovaccaio")
che porta via gli agnelli partoriti ……>>>

So, lo so, che il mondo è cambiato
e non tornerà il passato..
Ma io farò gli stessi sogni
fino a quando non dormirò
sul grembo della morte…!!





 

Na sìre 'i lune kjne


'Un c'ède mànche nu frùsce, stasìre.!

I mariànne
s'àn'addurmùte
sup'e
a Terre 'nnàrgintàte.

Citte-citte
i muntagne
abbràzz'n'i stiddre.

Dòrm'd'u Raganìddre
e pur'u risc'gnùle s'èd'ammasunàte.
Jè na carìzze
u jàv're
di càgge jurùte.

Nta l'àrie, u'ncànte
du silènzie e di magarìe..
Ntu còre,
u trimmulìzze di 'nsùnne..

'Un c'ède manche nu frùsce, stasìre!!..

 


((da ""LA VOCE DEL CUORE"" di V.Mazzei
Versione dialettale di D.Cerchiara ))


" U Crucifìsse "


Jè notte ,
'un c'è lune,
'un c'è vinte..
S'an'abbaccàte griddre
e riscignùle
sup' i cèrse sintinèddre…

Jè fòrte u spìnne
'i quann
u vicinànze s'accucchiàide
a rròcchie 'nnànt'a Kjìsij
i sìre da statìj…..;
'i quanne
a campaneddre chiamàid'i fòre
du paìse :
pure cu nnù' jère cristiane
sintìjd'a dògghie ntu còre …..;
'i quanne
cu vinìj sudàte da fatìche
s'abbintàide sutt'i cèrse di furmìche…..

Sta cìtt'a campanèddre,
jè sprèss'u vicinànze….;
pur'u "Criste" k'àme sàl'vàte
è lassàt'u "Crucifìsse"..!


D.Cerchiara // dic.2009

Chiesa "Crocifisso"


Notte
senza luna,
senza vento..
Concerto di grilli
ed usignoli
su le querce sentinelle..

E' forte il rimpianto
di quando
il vicinato si raccoglieva
sul sagrato le sere d'estate…
di quando
la campanella chiamava a raccolta
la campagna :
anche chi non era praticante
soffriva in cuor suo…
di quando chi tornava sudato
dal lavoro
si fermava un poco a riposare
al fresco delle querce formicaio..

Tace la campanella
ed è sparito il vicinato..
Anche il ''Cristo'' recuperato
ha lasciato il "Crocefisso"..!




Scèppe

Divògghie,
pure cu llu malutìmpe,
caricàjd'u ciucce
Scèppe
e s'inne jìje ffòre
cu lla crapètt'apprìsse….
C'èr'ne i frùsc'ch'le 'a guvirnà,
l'ùrte, a vigne 'a custudì,
a guàrdie 'a fàd'a llù lavùre,
i disculìzze d'attizzà cu lli vicìne…

Mò Scèpp'e lli vicìne stàne
litighènn'a ll'atu munne….
U làcche ke davìj l'acqu'a ll'ùrte
jed'addissicàt' ;
nta vign'e nta terre ke siminàide
cresc'ne i ruvètte ;
ntu pagghiarìddre di ricùrde
trippìjne sur'c'e schirzùne……
I fìgghj,
prifissùre e galantùmm'ne ,
stan' tutte quante foratèrre….


D.Cerchiara //maggio 2009

Giuseppe

Di buon'ora,
non solo col bel tempo,
approntava l'asino,
Giuseppe,
e si avviava in campagna
con la capra dietro……
C'erano gli animali d'accudire,
l'orto e la vigna da tenere,
al grano ancora verde far la guardia,
le liti coi vicini d'attizzare……..

Ora Giuseppe e i vicini
stanno litigando all'altro mondo..
il pantano che dava l'acqua all'orto
è diventato secco….
nella vigna e nel terreno
crescono i rovi….
nel rifugio dei ricordi
giocano rettili e topi..
I figli,dottori e professori,
sono tutti lontani…..

 



I ricchìzze 'i Santulavrìnze



Oj,oj ke ricrìj
a ti guardà turnu turne da chiàzze
arrìt'u Campanàre.......

S'u virne è fatte chiova-chiove
e si squàgghie pur'a nìve,
Raganìddre fa'i cavagghiùne
e minàzze cum'u cane arraggiàte ;
Grimav'le cchiù sup'e fa nu zumpe
k'assimìgghjd'u Niagara………….

Si mmìnz'u mis'e maj ti vène
na jurnàte 'i vinte
i negghie prime fan'a mmùcciatèddre
e pu' fan'a mùre
cu pizzùte du vutùre granne…..
Stuzze 'i negghie zump'n'i pirrùpe
e si vàne tuppuliènne
Raganiddru Raganiddre….
pu' si gaviz'n'a nnavòte
e joch'n'a ccu 'rrìve prime
ntu Palazze 'i Marsilia…..

A statìj,
quanne c'èd'u vinticìddre da notte,
s'annasulìjse bùne arriv'de
u jav're, u murmurijzze 'i Raganiddre
e nu silènzie 'i l'atu munne……..
Quanne c'ed'a lune tunne
e scìnn'n'i mariànne nti Timpe
Marsilia fa jèss'i pantàs'me
e tante papagghiùne granne granne :
a pagùre t'arrìzze carn'e capìddre,
e ti mmànn'd'a…. ll'àtu mùnne….!


Domenico Cerchiara //febbr.2009

Le Ricchezze di San Lorenzo


Oh, che godimento
a guardarti intorno dalla piazza
dietro il Campanile…

Se l'inverno è stato assai piovoso
e c'è lo scioglimento delle nevi
Raganello fa le onde
e manda minacce in lontananza
come un cane arrabbiato ;
più in alto il salto di Grimavolo
sembra il Niagara…

Se in pieno maggio
arriva un giorno ventoso
le nuvole giocano a nascondino
e poi intrecciano amori
col Picco dell'Aquila…….
Brandelli di nuvole
scendon tra le Gole,
rotolano lungo il Raganello,
si alzano repentine,
si inseguono, fanno a gara
per entrare nell' Antro di Marsilia…….

D'estate la brezza notturna
ti porta ad intervalli il respiro,
il mormorio del Raganello
e silenzi d'oltretomba….
Quando con la luna piena
le Timpe si popolano di ombre
Marsilia manda i suoi fantasmi
e tante figure gigantesche … :
la paura ti rizza i capelli
e ti manda all'altro mondo …..!



CCCXI

Quel rosignol, che sì soave piagne
Forse suoi figli, o sua cara consorte,
di dolcezza empie il cielo et le campagne
con tante note sì pietose et scorte;
tutta notte par che m'accompagne,
et mi rammente la mia dura sorte ;
ch'altri che me non ò di ch'i' mi lagne ;
ché 'n dee non credev'io regnasse Morte.
O che lieve è ingannar chi s'assecura !
qe' duo bei lumi,assai più che 'l sol chiari,
chi pensò mai veder terra oscura ?
Or conosco io che mia fera ventura
vuol che vivendo e lacrimando impari
come nulla qua giù diletta, e dura .


Francesco Petrarca// "Canzoniere"

 

 

 

 

 


CCCXI

Quiddr'u riscignùle, k'a l'àrm'a l'àrme
va chiangènn'i figghj, o la cumpàgna suia,
mùsiche mastriàt'e scippacòre
spànn'de p'u cìl'e p'i campagne ;
pare ke tutt'a notte m'accumpàgne
pi m'arricurdà u distìne mij amàre ;
nunn'egghie cu ccu m'a pigghià : mi cridìj
k'a Morte facìj sàl'v'i Divìne .
Quante jè fàcile 'ngannà cu si fìde !
Come putìj pinzà ke l'ukkj suij, lucent
chiù du sole, si facìjne terra scùra ?
Mò jì sacce k'a sciòrte meij sbinturàta
vo' k'ej soffr'a lla vivìnzie ppi sapì
ke nènte sup'a terre càmpe ssèmp'e ! ..


((Versione dialettale di D. Cerchiara/giuno 2009))

 

 

 

 



CCCLIII

Vago augelletto che cantando vai,
over piangendo, il tuo tempo passato,
vedendoti la notte e 'l verno a lato
e 'l dì dopo le spalle e i mesi gai,
se,come i tuoi gravosi affanni sai,
così sapessi il mio simil stato,
verresti in grembo a questo sconsolato
a partir seco i dolorosi guai.
I' non so le parti sarian pari,
chè quella cui tu piangi è forse in vita,
di ch'a me Morte e 'l ciel son tanto avari ;
ma la stagione et l'ora men gradita
col membrar de' dolci anni et de li amari,
a parlar teco con pietà m'invita .


FrancescoPetrarca//"Canzoniere"

 

CCCLIII

Puddr'cìddre vagabùnne ke vaj cantènne ,
o chiangènne, a vite tuja passàte,
vidènn'a nott'e lu vìrn'abbann'a ttìj
e lu jurn'e lli mise bìddre arrìt'i spàddre,
si sapèr'se k'u stàte mij jè pisante
propij com'u pantichijzze tuij,
nu vule facer'se mbràzz'a stu
sbinturàte pi ricogghie i lamìnte suij.
Jì nun sacce s'a sciòrta tuja jède com'a
meij : quiddra ke tu chiang'se forse jè vive,
'a meij s'àne rubbàte Morte e Cìle ;
mo 'u virn'e st'ùra da sìre mi port'ne a rivutà cu ttìj e cu tantu lutte'ncòre
l'anne bìddr'e pure quiddre du dilùre ….

( Versione dialettale di D. Cerchiara//giugno 2009)

 

 

Alla Luna

O graziosa luna, io mi rammento
Che , or volge l'anno, sovra questo colle
Io venìa pien d'angoscia a rimirarti :
E tu pendevi allor su quella selva
Siccome or fai, che tutta la rischiari.
Ma nebuloso e tremulo dal pianto
Che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci
Il tuo volto apparìa, che travagliosa
Era mia vita : ed è, né cangia stile,
O mia diletta luna. E pur mi giova
La ricordanza, e il noverar l'etate
Del mio dolore. Oh come grato occorre
Nel tempo giovanil, quando ancor lungo
La speme e breve ha la memoria il corso,
Il rimembrar delle passate cose,
Ancor che triste, e che l'affanno duri !

((G.Leopardi, < I Canti > - XIV

 

A lla lune meij

Oj lunicèddra meij, mi vèn'd'a mmènte,
E mò fa ll'anne,quann 'mpunt'a ssa còddre
Ti vinìj a guardàde kjìne 'i pantichijzze :
E tu sup'a quiddr'u vusc'che 'nnargintàte facìjs'a spìnzile, propij com'a mmòne.
Ma ti vidìj semp'e trimmulènne
E tutt'annigghiàte jer'se a ll'ùkkj
Mij chiangirùse,ca ntrummintàte
Jèr'd'a vita meij: jè semp'a stesse,
E nun cànge mmai,lunicèddra meij.
E ppure jè semp'e care u ricurdàde, u cuntade i timpe du dilùre mij.
Oj come vene care a llù pinzìre nta giuvintùte - quann ancòre lunghe
jed'u timpe da spiranz'e curt'u camìne da mimòrie -- a gulìj 'i cuntàd'u passàte ,
pure ke jè triste, e lu dilùre jè semp'e
cumpagn'a mmìj !..

(Versione dialettale di D.Cerchiara/giugno 2009)

XXI


Negli occhi porta la mia donna Amore,
perché si fa gentil ciò ch'ella mira;
ov'ella passa,ogn'om ver lei si gira,
e cui saluta fa tremar lo core,
sì che, bassando il viso, tutto smore,
e d'ogni suo difetto allor sospira :
fugge dinanzi a lei superbia ed ira .
Aiutatemi, donne, farle onore .
Ogni dolcezza, ogni pensero umile
nasce nel core di chi parlar la sente,
ond'è laudato chi prima la vide.
Quel ch'ella par quando un poco sorride
non si po' dicer né tenere a mente,
sì è novo miracolo e gentile.

( Dante Alighieri //"La Vita Nova")

 

XXI


A 'donna' meij porte nta l'ukkj 'Amore' ,
ca sùle guardènne finìzze spànne 'ngìre ;
gìrin'a cape ll'ùmm'ne quann passe ddìddra
u salùte suij fa trimmulìzze 'ncòre,
ssi guarde ntèrre si fad'ammurinùte,
e si jessin'i difìtte suj ugne vote
fa nu suspìre : jè propij a luce du munne.
Fìmmine, vinite a minte nùre pure vuie !
Tante pinzìre bune , tantu duciùre nasce ntu còre 'i cu l'annasulìe :
viàte a quiddre ke l'è vìst'a prima vòte!
Nun si po'dice, nun si po' ten'a mmènte
quiddre ke pàr'de cu surrisìddre mmùcche….
Jé nna cose k'ùn si putìj mai pinzàde…!!


(( Versione dialettale di D.Cerchiara//giugno 2009))


L'Infinito

Sempre caro mi fu questo colle
E questa siepe, che da tanta parte
Dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
Spazi di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo; ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante,io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l'eterno
E le morti stagioni, e la presente
E viva, e il suon di lei. Così tra questa
Immensità s'annega il pensier mio :
e il naufragar m'è dolce in questo mare..

G.Leopardi < Canti>/XII

 

U Scunfinàte

Semp'e ntu còre egghie avute
sta coddre sularìne e sta sìpe
ke turnu-turne ammùcc'd'a vìste
chiù luntàne.Ma si mm'assètte e guarde
cu pinzìre jij vìche arrite a sìpe
làrighe sinza cunfìne, e na quete,
e nu silènzij 'i l'atu munn'
a ddù quase arrànch'de u core mij.
E quann senghe 'i frunne 'mmùrmurà
u vinte jìi fazze nu paragùne
tra quiddru silènzij e sta vùce :
e mi vèn'de a mmènte quìddr k'un mmòre
mmai, e quiddr ke jè già mmùrte,
e lla vivìnzij 'i goj c'a vuce suia.
U pinzìre mij va sciddr'chiènne
mmìnz'a stu munne scunfinàte :
e mi vene duce affucà nta stu mare..

(Versione dialettale di D.Cerchiara )


La sera del dì di festa

Dolce e chiara è la notte e senza vento,
E questa sovra i tetti e in mezzo agli orti
Posa la luna, e di lontan rivela
Serena ogni montagna. O donna mia,
Già tace ogni sentiero, e pei balconi
Rara riluce la notturna lampa :
Tu dormi, che t'accolse agevol sonno
Nelle tue chete stanze; e no ti morde
Cura nessuna, e già non sai né pensi
Quanta piaga m'apristi in mezzo al petto.
Tu dormi : io questo ciel, ch si benigno
Appare in vista, a salutar m'affaccio,
E l'antica natura onnipossente,
Che mi fece all'affanno. A te la speme
Nego, mi disse, anche la speme; e d'altro
Non brillin gli occhi tuoi se no di pianto.
Questo dì fu solenne: or da' trastulli
Prendi riposo; e forse ti rimembra
In sogno a quanti oggi piacesti, e quanti
Piacquero a te: non io, non già ch'io speri,
Al pensier ti ricorro.Intanto io chieggo
Quanto a viver mi resti,

Ahi, per la via
Odo non lunge il solitario canto
Dell'artigian, che riede a tarda notte,
Dopo i sollazzi, al suo povero ostello;
E fieramente mi si stringe il core,
A pensar come tutto al mondo passa,
E quasi orma non lascia. Ecco è fuggito
Il dì festivo, ed al dì festivo il giorno
Volgar succede, e se ne porta il tempo
Ogni umano accidente

G.Leopardi - < Canti >/ XIII

 

 

 

 

A Sìre du jurn'i feste

Jè dùce e sirìne a notte e sinza vinte,
e sta lune k'annànze sup' i case,
sciurch'le nta l'urte e scappùcc'de
i muntagne.Oj 'donna' meij s'an'accittàte
i vij du paìse e sule i micciarùle
mmànìne luce di barcùne :
tu stai cunsulàte du sùnne
nta ssi càmm're quete, sinze pinzìre ;
e nunn'ej scarminijzz'i còre;
e nun sai e nun penz'se ke chiàga granne
m'ej grapùte 'mmìnz'u pìtte.
Tu dorm'se : jìj annànz'a stu barcùne
pi salutà u cìle ke parij tante bbune
e quiddra natùre pussènte
ca m'è mmìs'a llu munn sule
p'u trummìnte mai a rrifìne.
A ttij a sprànze, m'è ditte, mank'a sprànze
ti dònk ; e sùle 'i chiante an' luce l'ukkj tuij.
Stu jurne 'i feste t'èj strapazzàte assai
e tt'ej ripusàde ; e penze ca nzùnne
ti ven'n'a mmènte quiddr ke t'an'
mangiàte cu ll'ukkj e quiddr k'an'
piaciute a ttij : jìj nun sunghe
nta quiss e nun ci spère mank
ku llu pinzìre. Ntramènte m'addimmànne
quant'egghie campà 'ncòre, ……………..
……………………………………………….
…………………………Oj, pi lli vij
senge u cante du fatigatùre
ke quase facènn jurne si ricògghie
nta case ssuij povireddre,
dopp i spasse da jurnàte ;e lu còre mij
si strazzìjde quann penze k'a llu munn
pass' tutt'e sule na serchie lasse
zinna-zinne. Com'u lampe è fuiùte
u jurne 'i feste, vèn'd' a filandìve,
e lu timpe ke pass'de porte
cu ddiddr tutt'i fatte di cristiàne.


(Versione dialettale di D.Cerchiara )

 

Canzone mattutina

Sono stanco,
lo sento...
lo sguardo vagante
ovunque si posa
ritorna scontroso...
Non gioia,
non pena,
non voce,
non grido
io colgo...
E il mondo
e le ore
vedo incolori.
Nel tutto mi fondo
gramo fuscello
sbattuto dall'onda:
non sento,
non odo...
che quiete,
che pace...

(Cosenza-20 Gen.'60)



Pioggia di primavera

...E piove.
Piove sul dolore inerme.
Altre giovani età,
altre ombre fugaci
scompaiono mute.
Si svegliano le voci sommerse,
compaiono i mesti abbandoni...
anche le giovani cime
si chinano pensose
e nel verde ancora tenero
compare l'autunno.

(Cosenza-25 Apr.'60)

Giorno dopo giorno

Nella solitudine inquieta
dei passi sul selciato
miagolii randagi e i latrati
tornano sempre nuovi...
Dorme il mio paese senza
insegne
sotto lo sguardo nebuloso
dei lampioni stanchi.
Nel buio il vagar furtivo
cerca un posto dove posare:
forse un'altra mano straziata,
forse un'altra goccia di
solitudine...
Nessuno!
E giorno dopo giorno si
consuma
la vita
e scorre
come il nastro azzurro tra le
dita
di notte
nella penombra fredda
di un giaciglio...

(Febraio 1961)

Sipario

Qualcosa si muove,
qualcosa geme
là,
nella nebbia,
dietro il Sipario.
Un silenzio inquieto
gela l'umano
mentre al di qua
il reale sfuggente
continua a pulsare...
Tra le gelide mura
l'ansia
preme l'opaca, possente
muraglia
inseguendo un frammento di
luce.
Si fanno più quieti
i vaghi clamori;
più rari,
indistinti i rumori
al di là...
Dietro il Sipario
la massa inerme
continua a vagare.

(Febbrai.1962)


Dolore

Ancora
la neve insegue un pezzetto di terra;
ancora
il tronco solitario insegne le foglie
staccate dal vento;
ancora la Madre insegue i gemiti
delle sue vite
nel fosso dell'esistenza...
Non si nega il dolore
a nessuno
nemmeno alla polvere di se stessi
in fuga
dietro i frammenti
d'una vita.

(Gennaio 1965)

Fuga

Trascinato per il collo
e nascosto fino al petto
penzola il mio corpo
tra le nuvole...
Gocciola,
scende a catinella il sangue.
Bevono i lupi
ma la pozza rossa si allarga...
«Venite a bere
voi che avete sete;
non lasciate arrossare
la terra!
Venite
Bevete,
Cantate.
Affogate la vita
nella vita»
Risuona la valle;
turbe deliranti
venite il pendio
da ogni lato...
«E' nostro il sangue,
è nostro il sangue.
Beviamo,
Cantiamo;
spegnamo l'arsura...
Viva Bacco
salute a Venere;
Viva il Piacere
e l'Armonia dell'Universo»
e la muta scarmigliata
nello stagno si trascina:
la chioma bionda,
il petto bianco e agitato,
le natiche di marmo,
la fonte del piacere
di rosso tinge e spegne.
Nella conca melmosa,
disseminata di aride zolle
una figura solitaria,
furiosa e affamata,
cerca ancora
il seme della vita...

Marzo 19'65

Lasciatemi dormire
(Fuga)

Le croci degli anni hanno riso
nell'ombra
del gran cimitero;
e l'umida terra ammonticchiata
da un becchino incerto
ha sghignazzato.....
-Tu,
madre,
insegui invano l'eco dei tuoi gemiti;
Voi,
topi,
cercate invano l'albero spoglio
della vita
in una fossa vuota...!
E' stata una fatica enorme
uscire dagli anfratti della vita,
dagli specchi dipartiti,
dal silenzio della Terra...
E' stata una fatica...
Lasciatemi dormire
sul piumaggio delle stelle,
tra le coltri del silenzio,
al riparo della nebbia
di luride taverne.
-Non frugare,
o Madre,
nella casa addormentata:
nessun segno illuminante
troverai nei cassetti
dell'infanzia.
Guarda invece
l'acqua limacciosa del fossato
sotto il grande olmo del mulino...
Nessuno
venne a mirarsi in quello specchio
dal giorno
che ascoltasti la voce
della teppaglia
dei gran sacerdoti.
Tremò la terra,
nessuno dormì quella notte
con l'acqua a catinella
nelle case,
e tra lampi
tuoni
rumori
e schianti...!
-Abbandonate il Cimitero!
Andate sulla rupe,
sul fiume sonnolento
e minaccioso.
Là,
o Madre,
troverai l'acqua limacciosa
del fossato,
e i tuoi limpidi rivi
potrai riversare
nel sudario della vita.
Là,
o topi
potrete banchettare
con la fanghiglia,
e nella Terra
che ha reso omaggio alla Terra
affonderete,
senza rumori di tavole infrante.....

(S.Lorenzo Bellizzi. Settembre.1965
)

Troppo ho scavato
(Lettera a Lina)


Lo so... che tu
come il primo giorno,
che baldanzoso ti venni dietro
e con giovanile impudenza
ti affrontai e in faccia
ti sciorinai parole tante
che pronunciate non avevo ancora
e poi il primo, bacio sciocco
sulla bocca fresca
ti scoccai balordo,
mi ami e attendi,
come se la lancetta dell’orologio
fermata si fosse in que1l’ora
che il tempo non sa più segnare.
Lo so... lo so che tu,
anche se il comportamento mio
non te ne offre speranza alcuna,
nell’animo stanco rimugini
il tumulto di un sentimento
che non merito più...
Lo so... che come allora m’ami
e attendi che ti scocchi in bocca
il primo bacio di giovanile ardore...
Lo so... E forse il mio cuore,
che nella speranza s’è temprato
e chiuso come testuggine in guscio,
sul tuo amore vibra
e scioglie la ribellione sua...
Ma, ti prego, lascia
la fiducia tua cadere
nel fuoco,che presto
la incenerirà e polvere
spargerà al vento ovunque.
No, non attendermi,
ché io distrutto
per sempre ho, nella ricerca vana,
di quel -qualcosa—di cui ancora
riuscito non sono a scoprire il mistero,
distrutto amore, fede e fiducia.
Troppo ho scavato...
troppo ho raspato nella terra secca...
Troppo con gli occhi, imprudente,
ho cercato di spiare
sotto la lastra di freddo marmo...
strambalata è la vita
e l’uomo sempre più malato,
misterioso e patito!
Non avrei dovuto
per la pace di quest’animo stanco...
Ma, l’inquietudine mia
è l’inquietudine del mondo
che non si ritrova più
e come fiore in terra
arida appassisce.
No, non dirmi nulla...
Le parole sono come i baci,
che il vento cancella e porta via...
Oh! non ti ho chiesto di comprendere
il deliquio mio
che senso non ha. “M’ami ancora?”...
E bene dimentica per sempre
quest’uomo, che nel mondo
ha le sue radici folli.
Non te ne pentirai...
Ed io, alfine, integra
ritroverò la libertà mia cara.
Ascolta il vento...
Io sono lì con lui a ramingare,
nell’insoddisfazione sofferta e dolce
che forza dona all’esistenza mia.
No, non si può fermare il vento.
Ed anch’io, pur se un palmo
di terra mi coprirà benigna,
non avrò mai pace
e dalla tomba m’involerò ribelle.
E dietro il vento,
d’inesausta sete pervaso,
correrò in eterno,
ad inseguire me stesso dannato.

(18 Gennaio 1966)


Febbraio '58 - Via Piave
(Storia - Lettera a Maria)


Io non sapevo che aspettavi ancora
sotto il lampione, dopo la scenata.
M'ero ubriacato...e c'era tanta nebbia.
Ho vagato a lungo sotto la pioggia -
- sì, era venuta la pioggia, una pioggia
fitta che aveva fugato la nebbia -
prima di arrivare in Via Piave.
Tu eri ancora là quando mi rifugiai
tutto inzuppato sotto il porticato.
Soffrii non poco nel vedere i tuoi capelli
neri appiccicati al viso,
e l'impermeabile bianco gocciolante...
Quando ti sei accorta di me,
ero appoggiato al muro:
hai fatto finta di nulla; poi girando
appena il capo ti sei avviata leggera
con le mani sprofondate nelle tasche.
-Sapevi che non potevo, Maria, lo sapevi!
Il solco che le nostre malinconie
avevano appena colmato era là di nuovo,
sorto da chi sa dove.
Quando ha svoltato l'angolo senza voltarti.....
-Oh!, ricordo ancora gli occhi del vecchietto
che giocava con l'ombrello...
Il giorno dopo finsi che non c'ero
quando timida e guardinga salivi le scale
del mio lugubre soffitto...
Ne è passato del tempo, Maria,
e quel lampione riluce ancora, stasera!
Io bevo ancora e stasera sono ubriaco
come allora, più d'allora;
e piove, piove più d'allora!
Da poco sei di un altro (l'ho saputo ieri),
e mi hanno detto ch'è un cretino
colui che a forza hai voluto sposare.
Spero che hai bruciato almeno
le mie lettere d'amore.
No, non temere:
da domani scorderò i lampioni...

(S.Lorenzo Bellizzi - Marzo '66)

Gente che si riconosce
(la donna del sabato sera)


Si può essere stanchi a vent'anni
e trascinarsi fino ai trenta...
Si può provare a dire le cose mai dette
e lasciarle languire nel fondo del sasso...

Il sasso te lo porti dentro dalla mattina alla sera
come qualcosa di aggiunto
al groviglio vivente.
A volte prende il colore del giorno
che è come dire il colore dell'inutilità;
a volte il colore dell'acqua
che è come dire non aver sete;
a volte il colore del vino
o della donna del sabato sera.

La donna del sabato sera
sembra venuta dal freddo.
Ella beve ogni sera
forse perché né l'uomo né il vino
può darle colore.
Eppure è stanca e non si trascina.
Non ha neppure vent'anni.

Cristalli di ghiaccio sono i suoi occhi,
rughe di stoppie bruciate porta il suo viso:

Ella alita intorno l'alba e la notte
che è come dire la vita e la morte.

Ora ha voluto rifugiarsi nel sasso
ed il sasso è un nido sull'acqua:

(Germania - 1970)

Black-Out 2003

E' scesa la notte
sulle povere case
e sul mondo furioso
sempre più malato...

Ci accosteremo per mano
ad un letto di tenebre
scaldati dalle coltri
del silenzio e dal piumaggio
delle stelle

...

Mattino 2004
Petali di pesco e fiocchi di neve
danzano nella nebbia
scesa dalla Montagnella
tra le case ove erano le vigne...
Nuvole vagabonde intrecciano
amori col picco dell'aquila;
brandelli di nebbia risalgono
il Raganello e chiedono asilo
nel regno di Marsilia....
.
Verrò,
verrò domani
e sarà ancora un sussulto
che uccide...

<<<