POETI DELL'ALTO JONIO
Vincenzo MAZZEI



((da ""LA VOCE DEL CUORE"" di Vincenzo Mazzei-
versione dialettale di Domenico Cerchiara ))


A Stefano
(04/01/1996)

Piccolo Angelo dalle ali bianche,

ti sento nel dolce alitare del vento,
che sfiora leggero le cime dei monti.

ti sento nel mormorio sommesso del fiume,
che scende lento verso il mare.

ti sento nel cinquettio festoso degli uccelli,
che lieti danzano nel cielo.

Ti vedo nella gioia della dolce aurora
e nella malinconia del tramonto d'oro.

ti vedo in ogni fiore e in ogni stella.,
che sulla terra splendono e nel cielo.

ti vedo in ogni cosa bella
che ogni giorno nasce ed ogni giorno muore.

E sento allora una certezza in cuore:
quando il muro d'ombra crollerà
,
torneremo a raccontar la favola del Gatto (1)
e tante altre ancora...

 

(1) Stefano era il mio nipotino (figlio di Lorenzo), morto a soli 4 anni di leucemia. Voleva sempre che gli raccontassi le favole, soprattutto quella del "Gatto con gli stivali"

A Stèf'ne
(04/01/1996)

Gàngile mij cu i sciddricèddre iànche,

jì ti sènghe ntu jàv're du vinte
ke vad'accùscelènne i muntàgne

Ji ti sènghe ntu murmurijzze du jume,
ke mattu-matte s'inne vade u mare.

Ji ti sènghe ntu cinq-cinq a'ffèste di puddricìddre
ke fane cacchiavòte 'ncìle

Ji ti vìche nta cuntintìzze du sole ke nàsc'de
e nta malincunìe du sole ke pònn'de.

Ji ti vìche ntì jure e nti stìddre
ke fan' sbiannùre 'ncìle e 'ntèrre.

Ji ti vìche nta tutt'e cose beddre
k'ùgne jurne nàsc'ne a matìne e mòr'ne a sìre.

Allùre sùnghe certe ntu core mij
ke quanne vengh'a ti truvad'a ll'atu munne

jìj ti cùnte come navòte a parmidìje du Gatte…
e tante… tante…tante parmidìje ancòre..!

(( da ""LA VOCE DEL CUORE di V.Mazzei -
Versione dialettale di D.Cerchiara ))

 



Na sìre 'i lune kjine


'Un c'ède mànche nu frùsce, stasìre.!

I mariànne
s'àn'addurmùte
sup'e
a Terre 'nnàrgintàte.

Citte-citte
i muntagne
abbràzz'ne i stìddre.

Dòrm'de u Raganìddre
e pure u risc'gnùle s'èd'ammasunàte.
Jè na carìzze
u jàv're
di càgge jurùte.

Nta l'àrie, u'ncànte
da quète e di magarìe..
Ntu còre,
u trimmulìzze di 'nsùnne..

'Un c'ède mànche nu frùsce, stasìre!!.

 

 


 

Sera di luna piena
(21/01/1965)

Che pace, stasera!
Le ombre
riposano quiete
sulla
terra d'argento.

In silenzio
i monti
baciono le stelle

Il torrente tace
e l'usignolo dorme.
Lieve
è il respiro
delle
acacie in fiore

Nell'aria, un incanto
di silenzio e di mistero.
Nel cuore,
un dolce brivido di sogni.

Che pace stasera!

 

Vincenzo MAZZEI

 

 

 



Àrb're

Ssì n'àrb're 'nchidinùle
ntu nivichìzze.
U vinte
t'è spugghiàte
da primavère tuja :
u vinte d
s'è vulàte
pure i castiddre mij…!


Albero

Albero nudo
Nel turbinio della neve.
Il vento
ha portato lontano
le foglie
della tua primavera:
come i sogni
della mia giovinezza


Cante 'i notte

Vrògghjne
i stiddre
ntu cìle
ke stirlàmp'de. .

Jè tutte
Citte
ntùrn'a mij.

Duce si spànn'de
nta notte
nu cante..

U còre
è fatte reja-reje
e s'è mmìs'a chiànge
….

Canto notturno

Formicolio
di stelle
nel cielo
di cristallo

Tutto
è silenzio
intorno.

Lento, si effonde
nella notte
un canto

. E il cuore,
vinto,
dolcemente piange



Morte

Jìj minn'egghie jìde :
luntane……
I pùddre
ane cantà ancòre,
i 'frùnne
an'ammùrmùrà ancòre u vinte,
i stiddre
àne fàd'ancòre a cicatèddre
ntu cìle tricquìne ,
i vùcche
àne rìde e vasà ancòre….
E' semp'e stàte acussìne !!..
.

Morte

Io me ne andrò
lontano…
E gli uccelli
continueranno a cantare,
le fronde
a sussurrare al vento,
le stelle
ad ammiccare
nel silente azzurro,
le bocche
a sorridere e a baciare.
Come sempre !...

Ricurdanze

Trimmulìzze
'i màre
nta malincunìe
du sole ke pònn'de..
Na vàrche
a bbìnte fa naca - naca…
Cume na cèrse patriàrche
staj chiantàte sup'a rena,
vicchiùne a rripùse :
c'a pipp'ammurtàte
mmùcche,
l'ukkj tuij
vàne
ntu tracùddre
triccquìne du mare
e di rricùrde…


Ricordi

Brividi azzurri
del mare
nella malinconia
del tramonto d'oro.
Pigramente
dondola una barca .
Immoto,
nella rena siedi,
stanco vegliardo :
la pipa spenta
tra le labbra,
il tuo sguardo
si perde
nelle lontananze
azzurre del mare….
e dei ricordi

I spinne


Dòrm'd'u pagghiarìddre
a ddù cumìncid'u vusche;
u sole mmànn'de
l'ùrtime vase..

Sup'a ll'àrie u vagnuniddre
gàviz'de u castìddre suj :
"Oj nà -dìc'de- jìj u fàzze gàvite,gàvite,gàv'te.
E propij grann'e biddre è dda jesse..
Sta citt'a nànne,
stàne citt'i dinturne ,
e ntinirùte cùnt'de
tutt'i castìddre suj sciuddràte..


Rimpianti


Dorme il casolare
al margine del bosco ;
il sole gli manda
l'ultimo bacio.

Su l'aia il bimbo
innalza il suo castello :
"Nonna,sarà alto tanto,tanto,tanto.
E bello e grande- sai -esso sarà"

Tace la nonna
nel silenzio d'oro
e triste pensa
ai suoi castelli infranti.

Vagnùne

Nti chiàne ,
vìrde cum'i coricìddre vuste,
iàt'se cudiènne,
'nsùnne ,
i pùddre granne 'i carte :
ma quiddre si pèrd'ne
ntu cìle..

Ragazzi

Nei prati verdi
come i vostri cuori
inseguite,
sognando,
gli aquiloni :
ma essi svaniscono
nel cielo .

U paìse

Vijcèddre scurdàte
addurmùte
nta quète
'i quanne pònn'de u sole..

Cànt'de u gàddre …
Dòppe..
jè chiù nfùnne a quète .
e la disulìnzije…

Cc'ède ssu paìse sup'a Terre
o….
jè sule ntu còre mij ?

Paese

Remote viuzze
addormentate
nel silenzio
del tramonto d'oro

Il chicchirichì d'un gallo…
Poi…
più grande il silenzio.
e l'abbandono .
Paese della Terra
o….
del mio cuore ?

Chiànte

Stasìre,
è scìs'a notte ntu core mij. .
'Ncìle
i stiddre su chiù cuntente.
Si sapèr'ne du chiànte mij
chiangèr'ne pùre lor…….


Pianto

Stasera
è buio nel mio cuore
Eppure,
le stelle brillano liete.
Certo,
del mio pianto esse non sanno .


Pònn'de u sole sup'u mare

Picchì
ssa Biddrìzze sincìre
ke fad'arrancàde u core
è dda murì
cu ll'ate cose du munne ?

Tramonto sul mare

Perchè
questa pura Bellezza
che/ il cuore assale e sgomenta /
col / suo destino
di / Morte ?

U spinne 'i l'àrme 'nnucènte

Vulère
scurdà u tìmpe :
ajìre ….
semp'e.. …
vulèr'avé
l'àrme liggìre
propij
cum'a sciddre 'i na puddrurèddre..

Nostalgia di innocenza

Vorrei
dimenticare le ore :
di ieri
di sempre ;
e avere
l'anima leggera
come
ala di farfalla .

Malincunìe

Ll'ùrt'me fucarazze
du sole
s'an'ammurtàte
sup'u mare.

A notte
scìnne sup'u munne
e scìnne
pure ntu còre mij.

Malinconia

Le
ultime fiamme
si spengono
sul mare.

Cala la notte
sul mondo
e
nel mio cuore .