RACCONTI - LETTERE - NOTIZIE - VARIE

Luglio '09

Care Cinzìne e Care zu' Peppe,

a ll'ata notte m'àne vinùte 'nsùnn Dante, Francische Petrarca
e Giacumine Leopardi…..
Ane ditte ke pure lure àne state a Santulavrìnze e parl'ne
santulavrinzàne, mìgghie di giramùnne ke cciàne stat'u mis'arrìte.


Dante ccì vinìjde cu Biatrice ed'è fatte quiddra Cummèdie longa-longa….

Petrarca ccì vinìjde cu Llàv'ra suja a sent'u riscignule nuste, ed'è fatte nu Canzunìre lunghe - semp cu stesse tuppe tuppe - k'ancore goj 'u jame
cupiènne…

Leopardi ccì vinìjde sule picchì jer'de nnamuràte da luna i Santulavrìnze, quanne facìjd'a spìnz'le sup'e i vusche e sup'e i Timpe…
Cu llu chiante nta l'ukkj facìjde spiss'a cicateddr'a-lla Luna..
Ma a Luna stavìjde semp'e citte….

Vi fàzze legge e vi mmànne quiddre ke m'ane lassàte scrìtte.
Pitrarca m'è prumìse ke mi vène 'nzùnne n'ata vote…

N'abbrazze a tutt i santulavrinzane spav'lùte..
Cu zu Peppe n'ame vulùte semp'e bene…
….


Zu' Friscantonij


ALLA LUNA

O graziosa luna, io mi rammento
Che , or volge l'anno, sovra questo colle
Io venìa pien d'angoscia a rimirarti :
E tu pendevi allor su quella selva
Siccome or fai, che tutta la rischiari.
Ma nebuloso e tremulo dal pianto
Che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci
Il tuo volto apparìa, che travagliosa
Era mia vita : ed è, né cangia stile,
O mia diletta luna. E pur mi giova
La ricordanza, e il noverar l'etate
Del mio dolore. Oh come grato occorre
Nel tempo giovanil, quando ancor lungo
La speme e breve ha la memoria il corso,
Il rimembrar delle passate cose,
Ancor che triste, e che l'affanno duri !

((G.Leopardi, < I Canti > - XIV - ))

((Versione dialettale/d.c/giugno 2009 ))
________________________________________

Oj luni cèddra meij, mi vèn'd'a mmènt,
E mò fa ll'ann,quann mpunt'a ssa còddre
Ti vinìj a guardàde kjìn'e pantikijìzz :
E tu sup'a quiddru vusc'ke 'nnargintate facìjse a spìnzile,propij com'a mmòne.
M'a faccia tuja nun stavìj ffèrme
E tutt'annigghjàte parìjde a ll'ùkkje
Mij kjiangirùse,ca ntrummintàte
jèride a vita meij: jè semp'a stess,
E nun cànge mmai,luniceddra meij.
E ppure jè semp'e care u ricurdàde, u cuntade i timpe du dilùre mij.
Oj come vene care a llù pinzìre nta giuvintùte -- quann'ancòre lungh
jed'u timp da sp'ranz'e curt'u camìne da mimòrij -- a gulìj e cuntàd'u passat ,
pure ca jè triste , e lu dilùre je semp'e
cumpàgn'a mmìj…!

LA VITA NOVA

Negli occhi porta la mia donna Amore,
perché si fa gentil ciò ch'ella mira;
ov'ella passa,ogn'om ver lei si gira,
e cui saluta fa tremar lo core,
sì che, bassando il viso, tutto smore,
e d'ogni suo difetto allor sospira :
fugge dinanzi a lei superbia ed ira .
Aiutatemi, donne, farle onore .
Ogni dolcezza, ogni pensero umile
nasce nel core di chi parlar la sente,
ond'è laudato chi prima la vide.
Quel ch'ella par quando un poco sorride
non si po' dicer né tenere a mente,
sì è novo miracolo e gentile.

(D.Alighieri) >> ( XXI )

((Versione dialettale/d.c/giugno))
_________________________________________

A 'donna' meij port nta l'ukkje 'Amore' ,
ca sùle guardènn finìzze spànn 'ngìre ;
gìrin'a cape ll'ùmm'ne quann pass dìddra,
u salùte suij fa trimmulìzze 'ncòre,
ssi guard ntèrre si fad'ammurinùte,
e si jessin'i difitt suj ugne vote
fa nu suspìre :jè propij a luce du munn..
Fìmmine, vinite a mint nùre pure vuij !
Tante pinzìre bune ,tantu duciùre nasce ntu còr'a ccu l'annasulìje :
vìjat'a quiddr ca l'è vìst'a prima vòte!
Nun si po' dice,nun si po' ten'a mmènte
quiddr ki pàr'de cu surrisìddr mmùkke….
Jé nna cose k'un si putìj mai pinzàde…!!

 


 

 

Da Santulavrinz,15.2.2009


Care Santulavrinzàne luntàne,

si bbi vèn'de u spìnne i Santulavrìnze vo dì k'ancòre vi purtat'se
appriss'a Timpe, a Muntaggneddr e Raganiddr nuste cu 'a canzùne suia,
ke vàd'e vèn'de , assicùnn ke mìn'de u vinte i livante o punente .
A Farcunàre jede i Tirranòve, a Timp i Cassàne jede i Cìvite, u Raganìddre
jede i tutte quante ma fane parte i Santulavrinze.
Cumincènne jirtupinnìne nuj avìme a quarte parte i Raganiddre (quiddr 'ncer'a Jakk i Varrìle , cu 'a Timpe i Santu Lavrinze ) ;u minze(quiddre cu a Jackk i Varrìle, a Timp i Cassane, u ponte i d'Ilice,u pont du Rassisìjde) jede i Cìvite; a quart parte(quiddr cu 'i vusch'i Santavèn're e Cirnustàse) jede i Circhiàre ; nu stuzzariddr (quiddre cu a Timpe du Dimànie) jede
i Francaviddre ( parle du Raganiddre cu i pirrùpe)…
Quanne ssì paìse durmijne Santulavrìnze è mmìs'u nase 'nfacce a Raganiddre.!
Mo arrìv'ne tutte a lìttu cunsàte!!
Arrìv'ne i mussepittàte, ke quanne vone u frische i Raganiddre nùn s'ammùcc'ne manch'a vrìgogne; arrìv'ne i puft'e pafte, i cummirciante 'mbrugghiùne ke vane 'nfrucènn'i muntagne nost'e l'aria frische 'mmece 'i si vènn'u culu lore…
U Cumune nust' è fatt' pure na strade muderne a lli trìppegrùsse p'arrivà chiù mmìgghie a Raganiddre (a lla facce di l'antìke, di picurare e du Vuturu Grann.!! )
A càrie noste, cu sàpe cume vad'a finìsce.!!
Nu' bbi scurdàte mai Santulavrinze !
Mo vi salute e ni nni jame tutte quante cu 'a Madonne 'nsàlivamìnte!

Zu' Friscantonij vuste
2.2009

Cari Sanlorenzani lontani,
se avete ancora nostalgia di San Lorenzo vuol dire che non avete dimenticato né la Timpa, né la Montagnella, né il Raganello 'nostro' con
la sua musica, che va e viene secondo che soffi il vento di levante o di ponente.
La Falconara appartiene a Terranova di Pollino, la Timpa di Cassano a Civita,il Raganello a tutti ma è come se fossero di San Lorenzo.
Guardando il Raganello dalla sorgente a scorrere noi abbiamo la quarta parte , metà riva sinistra,( quella con la Timpa S.Lorenzo di fronte al Passo del Barile) ; metà,tutta la riva destra, quella col passo del Barile, la Timpa di Cassano, il ponte d'Ilice,il Ponte del Diavolo ) è di Civita ; la quarta parte,l'altra
metà della riva sinistra,(quella col bosco S.Venere e Cernostase) è di Cerchiara ;
un pezzettino della riva sinistra(quella con la Timpa del Demanio) è pure di Francavilla (mi riferisco al Raganello con le gole)..
Quando questi paesi se ne fregavano San Lorenzo ha dato lustro a Raganello***…. Adesso arrivano tutti a tavola apparecchiata !
Arrivano le Signore imbellettate che quando vanno a bagnarsi a Raganello non coprono nemmeno..la "vergogna" ..; arrivano ecoballisti d'ogni sorta che vanno svendendo montagne ed aria fresca quando farebbero bene a vendere il proprio culo…
Il nostro Comune ha pure allargato e rifatto un vecchio sentiero per facilitare ai signori l'accesso alle Gole del Raganello( alla faccia di siti antichi,dei pecorai e dell'aquila reale…!! )
Poveri noi, chissà cosa ci aspetta ancora !
Non dimenticate San Lorenzo !
Adesso vi saluto e che la Madonna ci assista tutti quanti.

Il vostro 'zio' Francesco Antonio

***riferimento all'istituzione della Riserva Naturale del Raganello***

 

01/03/2009
Zu Friscantonij mi cuntaijd….. …ca quann passaija p nnand a chiazz e cera gent, salutaid e addummanijd : chi facitis?. I cchiù stomacus ,sempr ca malizij rispunnijn: «stam in chiazz!!». Zu Friscantonij ca ha sempr stat nu bunu cristian e ha sempr purtat rispett a tutt , a pigghiajd cu pacinz . Ma cert jurn, quann un ci stavia ca cap , un vulia nè sent e nè vid quiddr gent ca diddr chiamajd : foragabb, stomacus , rifrnarij e mala gent. Allur ch facjid: piddjaid a trastin cu nu muzzch i pan, nu picch i spingmint e si ni ijia for, addù si sentijd raganidd ch sonaijd, i puddicidd ch cantain e li juri di spart c’addurain (c’ammirizzain). Accussì si sdirlambaid a cap, u cor e li purmun, e pur angunata cos. Quann adgju addummannat: «zu Friscantò , ma ch vò dic foragab, stomacus, rifrnarij e mala gent?» Nun ma vust mai dic. Allur mo vu addimman a vui: «ch vo dici?


Santulavrinz, 4 april 2009-

Care Cinziniddre

egghie sapùte k'ej accucchiàte tante santulavrinzane pi ssu munnu munne p'un fa cadì ntu scurde Santulavrinze. Ssu fatte mi fa prop'ij piacìre : dòn' i salute mij a tutt'a cumpagnie…
Tata tuj, Scepp'i Rubbane, jìj m'u ricorde quanne, doppe da guerre facìjme semp'e sciopere p'avì strade, luc'ed acque. Quann sc'camaide u voj du Campanare tutte quante, quiddre du pais'e da campagne(" i ciut i for") , currìjm'a chiàzze nnànt'a Cappeddr'a gridàde…I carabinìre ni puntaine i muschette e quanne vidìjne k'unnì mpauràime, duce-duce e cularrite-cularrite s'appuntiddràine cu 'i spaddre nfacc'u mure, semp'e cu-i muschette puntàte….Sceppe gavizàide a bandìre russe, i "ciut'i for" gavizàine vitte, furche, taccariddre e gridaine :<< ebbìve, ebbìve !, cacciàme tutt'i mangia mange , i malicristiàne, sucasànghe e mangiapane a tradimìnte…>>.Scamaide
u voj, ni ricugghìjme ncàse, u jurn'apprisse cuminciaime natavòte………
Egghie sapùte pure k'a fine du mis'e maj ven's'a Santulavrinze cu na beddre compagnie i giramunne . C'è dda jesse pure don Custantine nuste, u maghe i l'accque, e tante pizz gruss ancore.. . Un ti facim' scumparì. Bonavinut'a tutte
quante: a casa noste jed'a casa voste.
Ma dìc'me na cose : picchì ven'n'a passià duj jurne nti campagne noste'?Ane
stàte semp'e carceràte 'ncàse o ni vèn'n'a ddì k'a Santulavrinze tene tante ricchìzze k'i santulavrinzane nun mmanche conòsc'ne ??
Aguanne passàte i ssì timpe ane ncuminciàte i disculizze sup'i vusche ( certe latrùne forastìre ,doppe k'avìjne cummirciàte l'ària pulìte, cu i vusche nust vulìjne fade zagareddre p'i furne ke fane jesse a luce lèttr'che. Vistemai ? A pupulaziùne s'ède arrabbiàte e vulij fa natavòte "o 'ngalère o Santavènn're ". N'avìjne fatte bune
u fuche !! U cunsìgghie cumunal'e lu cape du paise n'ane chiamàte a vutà SINE e NONE e tutte s'è calmàte…..U risultàte nun ss'è sapute ma di vusche nun si pàrle cchjùne : è murt'u cane , è mort'a ragge ! Mminumale !

Pur'aguanne a Pasche i crapitt'e l'àjne nuste si ven'ne a caricà i càmij barìse e napulitane.. I pagh'ne come vone lure a-lli pov're picurare picchì si nnùn si ccatt'ne lure nun si ccàtte nissùne: a rròba bone 'i Santulavrinze nun ten'de u mirke du Parche du Puddrine e tutte fane quiddre ke vòne.A Nàp'le venn'ne semp'e crapitte du Puddrin'e di Santulavrinze!! E da quanne jè chiuse u mattatòie cumunale.. nu picche i crapìtte bune lu puj truvà sule a 'mmicciùne ..!. Nun mmi vùgghie milinà ancore.. Jè Pasche! Fazze l'agùrie a ttij e tutt'i santulavrinzàne..!

Zu' Friscantonij

Caro Vincenzino,
ho saputo che hai messo insieme tanti sanlorenzani sparsi un po ovunque per tenere sempre vivo il ricordo di San Lorenzo.Questo mi fa molto piacere : porgi i miei saluti a tutto il gruppo.
Tuo padre, Scepp i Rubban(Giuseppe Tarantino), lo ricordo bene ai tempi degli scioperi ,nel dopoguerra, per la luce elettrica, l'acqua e la strada rotabile.La sirena del Campanile ululava e ci chiamava a raccolta in piazza tutti, paese e campagna…I carabinieri ci puntavano il moschetto, ma quando si rendevano conto che non avevamo paura indietreggiavano piano piano e si addossavano con le spalle al muro sempre con i moschetti puntati……..Giuseppe sventolava un drappo rosso e la folla dei campagnoli alzava minacciosa randelli,bastoni, forconi ed urlava : evviva, evviva,fuori i parassiti, le sanguisughe, i predoni……Ululava di nuovo la sirena…tornavamo a casa…L'indomani si ricominciava.
Ho saputo pure che a fine maggio verrai a San Lorenzo con i tuoi Giramondo, provenienti da ogni regione d'Italia ; ci sarà pure Don Costantino nostro, il mago dell'acqua..Non ti faremo sfigurare.Benvrenuti a tutti : la nostra casa sarà la vostra casa..Ma spiegami una cosa : perché vengono per due giorni a passeggiare per le nostre contrade??Perchè stanno sempre chiusi in casa o per ricordarci le ricchezze di San Lorenzo che i sanlorenzani non conoscono ???
L'anno scorso di questi tempi si discuteva dei boschi..I soliti ladroni volevano i nostri boschi per commerciare i crediti di carbonio(?) e poi ricavarne materiale per le centrali a biomasse(?)La popolazione,allarmata e preoccupata, era pronta a marciare sui boschi come ai tempi di "o in galera o Santavenere" …Il Consiglio Comunale ha indetto un referendum consultivo e siamo andati a votare. IL risultato non c'è stato ma dei boschi non si è più parlato. Silenzio assoluto .. Menomale!!

Anche quest'anno, a Pasqua, baresi e napoletani vengono a fare incetta dei nostri agnelli e capretti.Il prezzo lo fanno loro perché garantiscono tutto l'acquisto e non c'è mercato : nessun marchio di garanzia e qualità protegge la nostra produzione.Ed a Napoli fanno affari d'oro spacciando tutto per prodotto di S.Lorenzo..Da più di un anno non funziona il mattatoio comunale(l'unico nella zona orientale del Parco ) e per macellare bisogna andare a Mormanno. ..E così i nostri capretti si macellano solo di nascosto..Beh, non mi voglio arrabbiare ancora, è Pasqua. Auguri a tutti.

Zu Friscantonio

 

Santulavrinz, 9 april 2009

Care don Custantine

u sacce ke stai facènne propij assaj pi Santulavrìnze nuste : oj si cciavìsse pinsàte nu picche chiù prime !!
Cu tutt'i case sciuddràte pare nu paìse abbannunàte doppe u terramòte.!
Issi timpe a-lla gente nunnì friche nnènte di jure sup'i barcune o di puisìe
i cu va minènne a sciànke : nun ten'ne pròpij nente da fade..Qua stame semp'e a chiacchiarià , ni facìme vide ke facìm', ma fatte nunnì facìme e nunnì vidìme mai…
Si putère ffa 'ncùna cose pi forastìre k'arriv'ne a Santulavrinze:
nun trov'ne passatimpe e si nni scapp'ne u jurne apprìsse. Na vote purtàime a spasse i turiste ku -lli mule e ku-lli ciucce nti campagne chiù beddre du paìse: tanne c'èride u mule i Vicìnze Za Corde e di Linarde Lesciarèddre. E c'èr'ne pure i ccumpagnatùre pi quiddre ke vulìjne jìd'a ppède nti timpe, nti vusche,
a Raganiddre( mi pare ke jer'ne Giacumine Cusche e Lavrinziddre u Guardiane.). I màk'ne fane puzze, pruv'le e fan' arrancade frusc'ch'l'e cristiàne.I giùv'ne putèr'ne accattà ancùne ciucce e continuade u mistìre ma su sfiduciàte , nun fane nente e si gràtt'ne i chigghiùne 'nnant'i barre. VicinzeTarantine è grapùte nu spurtìddre ntu "computer" e ni facère tante prupagande si nnuj garmèr'me ancùna cose e nu dicèreme a ddiddre…
Doppe du rravugghie di vusche u paise jed'a stozz'e cu cummànn'de nun fa nnente p'accucchià i cristiàne : s'un c'ede a guniùne parlame a lu vinte.
Care don Custantine quanne ven'se parle, parle cu tutte quante pi fa turnà a pace ntu paìse e risuscitade i case sciuddrate e 'bbannunàte.Vussurìe ej fatte tante miràch'le cu ll'acque e pui fa pure nu miràch'le pì Santulavrìnze!
Egghie fatte nu pinzirìddre e t'u dìche cittu citte : ti vulèr'me vìde prop'ij Sìnn'che . ….Eh ??

Mo' minne vàche for'e mi pàss'de a malincunìe .. Bona Pasche a Ssignurìe e pure a lla Signura tuja .

Zu' Friscantonij

8 April 2009


Caro don Costantino,

Lo so che stai facendo troppo per i Sallorenzani nostri ,ohi ! se ci avessi pensato un poco prima ...con tutte le case diroccate, sembra un paese abbandonato dopo il terremoto.
Di questi tempi alla gente non gliene frega niente dei fiori sopra ii balconi e di poesie di cihi va menando la gamba, e chi non ha nulla da fare. qua stiamo a chiacchierare,facciamo vedere che facciamo ma fatti non se ne vedono mai.....se potessi fare qualcosa per i forestieri,che quando arrivano non trovano passatempi se ne scappano il secondo giorno,
Una volta portavano a spasso i turisti con i muli e con asini nelle campagne più belle del paese,
allora c'erano Leonardo Lasciarello e za Corda,e c 'erano pure gli accompagnatori per quelli che volevano andare a piedi nelle timpe,nei boschi o Raganello(mi pare che c'erano GIACOMINO DI CUSCIO E LORENZINO IL GUARDIANO)le macchine fanno puzza e polvere e fanno spaventare bestie e persone...
i giovani potrebbero comprare un asino per continuare il mestiere,ma sono sfiduciati,non fanno niente
e si grattano le palle davanti al bar.
Vincenzo Tarantino ha aperto uno sportello nel compiuter,io gli farei tanta propaganda,se noi inventiamo qualcosa glielo diremo.
dopo la cofusione dei boschi, il paese è a pezzi,chi comanda non fa nulla per raccogliere persone
se non c'è unione parliamo al vento
Caro don Costantino,
quando vieni, parla parla con tutti quanti,per far tornar la pace nel paese e risuscitare le case
diroccate e abbandonate,tu hai fatto miracoli con l'aqua,e puoi far miacoli per San Lorenzo,anzi
ho fatto un pensierino e te lo dico zitto zitto: ti vorrei vedere proprio Sindaco hi hi!

ADESSO ME NE VADO IN CAMPAGNA E MI PASSA LA MALINCONIA..........BUONA PASQUA
a Vossignoria e pure alla Signora.
Zio Francescantonio

Santulavrinz, 11 april 2009


Care Indio,

u nome ke t'ej mise jè propij biddr'e mi ricorde gune ke ntu 196
jìjde appriss'a bon'arme i Rinèste nta Bulìvia…
Pur'a futugrafie k'ej mmannàte jè beddre..Quiddre timpe mminze
u mare i negghie mi fan vinì a mmènte u bastimente i Noè ke ricògghiede
quiddre ke stane affuchènne ntu dilùvie.. E s'u munne avisse da jìde
suttasup'e nuj , gente du Puddrìn ke si conòsc'de appene si vìd'de,
avìme semp'e nu rifugge sicure ...
Oj come mi piacèr'de a ffade nu sunne lungu- lunghe sup'a quiddre
timpe ke nat'ne ntu mare accumpagnàte da cùr've, vitùre grann'e "fricavìnte
k'è ditte Sceppe 'u Musicante.!!
Sansuvrinès'e Santulavrinzàne quanne c'er'ne i mule jer'ne chiù vicìne ;
mo s'ane alluntanàte. A Sansuvrìne c'ède na giuvineddre k'è scritte "La ragazza con la valigia "e si chiame Pinuzza . Aguanne passàte jè state a Santulavrinze : a littùre di puisìe suj m'è 'ntinirùte assaij e mi vened'u spinne d'a sent'e d'a vide.. .
Ancunavòte vinìte 'nsèmm'l e a Santulavrìnze !
Goj jè Paske e fors t'inne vai pi ssi muntagne muntagne.Viate a ttij !!
N'abbrazze e tant'agurij.

Zu' Friscantonij


12 Aprile 2009

Care Friscantonij

chiù o mine nuj sìme 'guale i d'ann'e nun ti chiàme Zu'Friscantonij.
Jij sùnghe arricurdàte com'u "privissùre Mazzei " e sicurament'ancune 'i vuj è fatt'a scole lìmintàre cu 'mmji.
Minn'egghie jute da Santulavrìnze ntu 1963 ; da tanne nun c'egghie chiù vutàte;
mo stache a Grosseto sulu-sule e tenghe guttànt'anne . Mi vèn'de spiss'u spinne 'i Santulavrìnze ma mm'è passàt'a gulij i jìde girènne : passe goj , vene craj e nun ci vache mai. U dialette nuste jè ricch'e nòbile picchì ven'de du latìn'e du greche: i radiche noste ; jè na ricchìzze ke nun ss'è dda perde ! Tu fai bun'a lu 'nziccà nti catarozze: i vagnune 'u nnu parl'ne picchì i granne si l'ane scurdàte.

Egghie sapùte ke tante paisàne nuste àn' garmàte na rizz'a du pàrl'n'e s'accùkkjne
senze ke ssi vìd'ne; acussìne sap'ne tutt'i fatt'i Santulavrìnze.Ugni tante frate mij d'Enze, mi cùnt'd'ancuna cose; jij nùn sacce manche ke jede nu cumputer…!
Friscantò, jij come vicchiu santulavrinzane ke nun si scòrd'd'u paìse suj, ti donke tante ringraziament'e n'abbrazze forte-forte.

Nu salùte car'a tutt'i santulavrinzàne sprèsse pi ssu munnu-munne…..!


Vincenzo Mazzei


Grosseto, 20 Aprile 2009

<<<